Sulla stampa‎ > ‎

Il gazzettino del 7 Novembre 2007: Contro la giunta Murer Patto Lega-Comitato

pubblicato 29 dic 2009, 09:12 da Comitato Piana

A pochi giorni dall'incontro promosso dal sindaco Stefano Murer sul tema della Piana di Falcade, anche la Lega Nord, presente nella minoranza del Consiglio con Andrea Pirazzoli, prende posizione.

"Riteniamo doveroso -si legge in un comunicato- dare un segnale positivo alle istanze dei cittadini e perciò abbiamo deciso di contribuire fattivamente a una soluzione compatibile con le reali esigenze della nostra gente".

La sezione in questi ultimi mesi ha chiesto contributi a vari iscritti, sia internamente al gruppo locale che esternamente, nel chiaro intento di appoggiare le istanze del comitato.

«Sono numerosi gli esponenti della Lega che hanno concretamente appoggiato i nostri sforzi per sostenere il "Comitato contro la cementificazione della piana di Falcade" -dice Alex De Pellegrin- Siamo convinti che la salvaguardia ambientale sia irrinunciabile per noi e per le generazioni future. Il nostro comune ha già pagato un prezzo molto alto per le politiche sconsiderate che le passate amministrazioni hanno attuato a discapito degli interessi della collettività».

I leghisti plaudono all'inizitiva del Comitato che in occasione dell'incontro di venerdì, previsto per le 21 alla Casa della Gioventù (sarà interamente registrato da Radio Più e trasmesso in differita lunedì alle 20.30) esprimono le loro perplessità in un documento.

"Siamo ormai giunti alla stretta finale. Gli ultimi sviluppi non sono purtroppo favorevoli. Non è accettabile ed è anzi gravissimo che il sindaco dichiari, a pochi giorni dalla data dell'incontro, di non avere informazioni da dare alla sua gente, riguardo al problema della Piana di Falcade.La gente, d'altro canto, avrebbe tutto il diritto, di avere risposte chiare, precise e rassicuranti sul presente e sul futuro del nostro paese".

"L'attività del Comitato è iniziata principalmente per la scarsità di informazione e per un progetto non chiaro e ricco di contraddizioni -conclude il comunicato-. Hanno firmato la petizione molti paesani e molti villeggianti. Non ci toccano minimamente certe dichiarazionidi parte che vogliono collocare parte dei firmatari tra i pentiti della firma. Insinuazioni inaccettabili".

 [Il Gazzettino]

Comments