Sulla stampa‎ > ‎

Il Gazzettino 19 luglio 2008

pubblicato 29 dic 2009, 09:33 da Comitato Piana

(M.M.) A distanza di un anno dalla sua costituzione il comitato per la piana di Falcade si fa risentire con un "sondaggio". Si tratta di un "questionario" con poche domande mirate, ma anche con spazi per costruttivi commenti e proposte. Valligiani e turisti, sono invitati a dire la loro, in forma del tutto anonima, e a riconsegnare il foglio entro il 31 agosto prossimo. I risultati di questo "censimento di idee" verranno in seguito comunicati ai cittadini.

Nel frattempo il comitato pensa al Pat: «Ci auguriamo - dicono i rappresentanti il comitato contro la cementificazione della Piana di Falcade - che il progetto diventi in tempi brevi una realtà. Costituirebbe il primo passo per porre un deciso freno per coloro che sul territorio vorrebbero continuare a speculare, portando via il paese, passo dopo passo e terreno dopo terreno, a chi lo sente suo e a chi lo ama e lo rispetta, affinché, soprattutto i più giovani, non siano costretti ad abbandonarlo».Nella pubblica riunione del 9 novembre, il sindaco aveva preso l'impegno di "congelare" il progetto urbanistico (Pua) che avrebbe portato ad una "cementificazione" della Piana.Il Comitato non è rimasto con le mani in mano, soprattutto in vista della realizzazione di quel Piano di assetto del territorio (Pat) che la stessa amministrazione si era impegnata ad attuare al più presto.«Sino ad oggi tuttavia - continua la nota del comitato - nonostante le specifiche e ripetute richieste in tal senso, il sindaco non ha ancora fornito alcuna risposta costruttiva. Per questo la nostra attenzione deve rimanere alta, nella certezza che l'interesse per il problema rimarrà ben sveglio anche da parte dei cittadini e degli ospiti».«La realizzazione del Piano (Pat) - conclude la nota - è importante per Falcade , perché finalmente (come del resto previsto dalla legge) la nuova organizzazione del territorio potrà venire esaminata e gestita non soltanto dall'amministrazione, ma da tutta la popolazione».

Comments