Sulla stampa‎ > ‎

Il Gazzettino 18 Settembre 2009: "Dai cittadini un altolà alla cementificazione" La sciatrice Magda Genuin invita il consiglio comunale a non approvare la variante al Prg che prevede dei piani edilizi.

pubblicato 29 dic 2009, 14:39 da Comitato Piana

Falcade
      È la sciatrice Magda Genuin la prima firmataria di un'osservazione alla variante del piano regolatore che il consiglio comunale di Falcade ha adottato lo scorso 19 agosto. La cittadina di Falcade, già nota anche per la sua presenza nel comitato contro la cementificazione della piana, a sindaco e a consiglio comunale ha inviato una dettagliata documentazione mettendo in evidenza i temi quanto meno inconsueti della convocazione del consiglio e la pronta approvazione - in 32 minuti - di questioni importanti per l'economia del paese e del territorio. «Tutto ciò - scrive la Genuin - senza dibattere e nemmeno rispondere alle doglianze della minoranza che si è espressa con voto contrario».
      La maggioranza, secondo la Geniun, ha adottato una variante complessa, compendiosa e importante. «Ma nel momento in cui dovrebbero essere già iniziati i lavori inerenti il Pat, strumento urbanistico finalizzato a riorganizzare o comunque risolvere problemi del territorio ma in maniera complessiva, armonica e seguendo peraltro le previste modalità di concertazione».
      Magda Genuin nella lunga lettera mette in evidenza anche il fatto di come una variante al Prg sia stata adottata in sordina lo scorso 19 agosto. «Quel che stupisce e sconcerta è che il sindaco tanto ebbe a parlare di partecipazione e trasparenza e non ha sentito la necessità di mettere a conoscenza i suoi concittadini (che lo hanno votato) di una "faccenda" decisamente importante. Appare lecito domandarsi perché ancora una volta la gente di Falcade non debba sapere, non venga messa effettivamente in grado di conoscere, attraverso adeguati mezzi, eventi assolutamente rilevanti per il territorio».
      Come dire che la firmataria delle osservazioni non ha reputato sufficienti le notizie dell'avvenuta adozione della variante tramite avviso pubblicato in bacheca (atto necessario per la validità del provvedimento) e non abbia ritenuto di dover pubblicizzare attraverso mezzi più efficaci e adeguati all'importanza della comunicazione un evento incisivo per il territorio. «Auspico - conclude Magda Genuin - che il consiglio voglia astenersi dall'approvare la variante 19/2009 e procedere invece a una proficua quanto necessaria pubblicizzazione della medesima consentendo finalmente alla gente di Falcade di interloquire e dibattere le questioni inerenti il proprio territorio».
      Mirko Mezzacasa

Comments