Sulla stampa‎ > ‎

Da il Gazzettino di Belluno del 25 Settembre 2010: "Chiude il Focobon, Via il Sindaco"

pubblicato 26 set 2010, 00:59 da Comitato Piana
«Sindaco dimettiti». A chiedere le sue dimissioni è il Comitato per la piana dopo che a Falcade ha chiuso anche l’albergo più vecchio di Falcade, il Focobon. Sarebbe colpa delle scelte urbanistiche del Comune, favorevole all’edificazione sulla piana, oltre che alla mancata realizzazione di un parcheggio a servizio dell’albergo chiesto dalla proprietà, e del declassamento da tre a due stelle deciso dalla Provincia.
      «Falcade sta morendo e gli alberghi chiudono - si legge nel comunicato - e chiuderà anche il parco. Chi gestisce la pista di fondo ha già dichiarato che mollerà. Insomma la crisi incombe».
      Il fatto che Stefano Murer asserisca che Falcade sia ridotta male e che l'unica ancora di salvezza sia costruire sulla piana, per il Comitato è il «segnale di una visione ottusa e distorta, che nega le reali e complesse dinamiche legate allo sviluppo turistico del paese». «Non basterebbe riqualificare tutta l'area adiacente alla Provinciale 346, che va dall'ufficio postale alla stradina che porta al Parco, per dare respiro e sufficienti guadagni a chi vuole creare nuove e rinnovate strutture?». E perché Murer non ha voluto discutere il progetto privato di riqualificazione del laghetto e dell’area sportiva?
      Stefano Murer risponde ironico: «Magari fra un anno e mezzo lascerò. Sono amareggiato per la chiusura dell’albergo. Il Comune ha fatto delle scelte e può anche darsi che siano state la causa o la concausa. Sulla riqualificazione dell’area ludico-sportiva, abbiamo chiesto elaborati, finora mai ricevuti, proprio per parlarne ai cittadini». D.F.
Comments