Sulla stampa‎ > ‎

Corriere delle Alpi 19 gennaio 2008 : “PUA CONGELATO, MANTERRO’ L’IMPEGNO”

pubblicato 29 dic 2009, 09:28 da Comitato Piana

Il sindaco Murer replica al Comitato anti cementificazione della Piana.

FALCADE. “ Per il PAT servono 80 mila euro “. “Il 9 novembre scorso ho deciso di congelare il Pua: un impegno determinato e fermo che intendo coerentemente mantenere”. Il sindaco di Falcade Stefano Murer , risponde al Comitato contro la cementificazione della Piana di Falcade che spinge per la revoca della delibera che nel marzo 2007 ha adottato il Piano urbanistico attuativo, e ribadisce quanto aveva sostenuto nell’incontro con la gente a Caviola. Il Pua rimarrà dunque congelato anche perché il sindaco ne rivendica la funzione di eventuale vincolo alle iniziative dei privati.Il Comitato aveva sostenuto che le possibili proposte dei privati sarebbero comunque passate prima al vaglio della Regione “ Non è vero – spiega Murer – la Regione ha già approvato l’urbanizzazione di quella zona quando nel 97 si è fatto l’ultimo Prg. Ora i progetti dei proprietari dovranno semmai pervenire alla giunta e poi ricevere i pareri favorevoli del consiglio comunale e della Sovrintendenza”.Il “ congelamento “ del Pua, che pareva aver accontentato tutti poco piu’ di due mesi fa, oggi torna dunque a far discutere, cosi’ come la realizzazione del Piano di assetto territoriale, il Pat, del quale si era parlato sempre il 9 novembre  alla presenza del consigliere regionale Bond e dell’assessore provinciale Visalli. Il Comitato chiede tempi brevi per la sua presentazione, lamentando una sorta di disinteresse del sindaco per la questione a fronte invece delle “ svariate centinaia di migliaia di euro di spese previste da qui al 2010”. Un conto sono le opere pubbliche, un altro è la programmazione – ribatte però Murer -. Quando avrò gli 80 mila euro necessari lo farò, come tra l’altro prescrive la legge 11. Teniamo presente che nel momento in cui mi accingerò a redigerlo, dovrò pensare come “ compensare “ i proprietari dei terreni, “ trasferendo “ l’edificabilità, di questi ultimi in altre zone del comune.In definitiva dunque, stando alle parole del sindaco, il Comitato non deve pretendere cose diverse da quelle  promesse il 9 novembre che oggi lo stesso Murer riafferma, rivendicando anzi la coerenza della propria amministrazione.Piuttosto l’invito del Comitato, rivolto alla popolazione, di mantenere alto il livello di guardia porta ad interrogarsi sulla fiducia di cui gode l’amministrazione Murer. “ E’ chiaro che i rappresentanti del Comitato non hanno fiducia in noi – commenta il sindaco – e nemmeno mi riprometto di far loro cambiare idea. Sono persone capaci di ragionare con la loro testa e auspico che continuino ad interessarsi ai problemi del paese.

Gianni Santomaso. 

Comments